Finanziamenti e Contributi a Fondo Perduto Agricoltura

Finanziamenti e Contributi a Fondo Perduto Agricoltura

Indice dei Contenuti

Da sempre l’agricoltura è stata la principale fonte di sostentamento della popolazione e quello agricolo è il forse settore lavorativo più importante nel nostro Paese. Molte persone ci lavorano come dipendenti ma sono tanti anche coloro che gestiscono il settore agricolo da veri e propri imprenditori e, come tali, necessitano di una certa liquidità per mandare avanti (o per avviare) la loro azienda. In periodi storici particolari, però, può accadere che l’imprenditore agricolo non abbia denaro a sufficienza per proseguire con la sua attività e debba richiedere un prestito per risollevare le proprie finanze.

Ben sapendo quanto il settore agricolo sia importante non solo per l’Italia ma per l’Europa tutta, la Comunità Europea ha deciso di stanziare delle risorse appositamente destinante a finanziare l’agricoltura.  Questi fondi sono messi a disposizione tramite appositi bandi emanati sia a livello nazionale che regionale o, ancora locale. Vediamo quali sono i finanziamenti e i contributi a fondo perduto destinati all’agricoltura e come è possibile accedervi.

 

Come Funzionano

Il nome stesso lo dice: si tratta di finanziamenti e contributi a fondo perduto elargiti dall’Unione Europea, tramite gli Stati membri e le regioni, destinati a sostenere l’imprenditoria in campo agricolo.

Se il richiedente soddisfa tutti i requisiti previsti dal bando a cui intende partecipare, può ottenere una copertura del 100% riguardo le spese che intende affrontare per la sua azienda. Queste ultime devono essere dimostrate tramite dei preventivi e devono assolutamente rientrare tra quelle finanziabili dal bando in questione. A titolo esemplificativo, possiamo vedere un breve elenco (non esaustivo, in quanto spesso ci sono delle variazioni tra un bando e l’altro) delle principali spese che è possibile coprire con questi fondi europei:

  • terreni agricoli
  • beni necessari ad avviare una nuova azienda agricola
  • spese per i servizi direttamente correlati all’apertura o alla gestione di un’azienda agricola
  • materiali e servizi necessari per produrre, trasformare e vendere i prodotti agricoli aziendali.

 

È importante sapere, inoltre, che questi finanziamenti a fondo perduto per il sostegno dell’agricoltura possono essere richiesti anche per altre attività non strettamente connesse alla coltivazione della terra come ad esempio:

  • pesca sia in acqua dolce che salata
  • silvicoltura
  • allevamenti.

Solitamente chi lavora in questo settore è anche interessato ai finanziamenti per le fattorie didattiche ed ai finanziamenti per aprire un agriturismo.

 

Requisiti

Come per ogni altro tipo di prestito, ci sono alcuni requisiti da possedere nel momento in cui si desidera fare richiesta di un finanziamento a fondo perduto per l’agricoltura. L’età anagrafica del richiedente gioca un ruolo fondamentale in quanto soltanto chi non ha ancora superato i 36 anni può ottenere questi contributi europei. Naturalmente, occorre anche essere già maggiorenni.

Inoltre, come si può facilmente intuire, solo gli imprenditori agricoli e coloro che intendono diventarlo entro un massimo di due anni possono accedere ai finanziamenti a fondo perduto.

Vista la natura particolare di questi finanziamenti, sono richiesti ulteriori requisiti correlati al reddito e alla località geografica. Il primo parametro riguarda i redditi provenienti dall’attività agricola di chi richiede il finanziamento che devono essere dimostrabili. Inoltre, sia l’azienda che il richiedente devono risiedere obbligatoriamente in determinate aree geografiche prestabilite dai singoli bandi.